vendita carrelli elevatori Linde

NEWS

Dai un'occhiata alle novità!


TUTTE LE NEWS NEWS SERVICE E SICUREZZA NEWS PROMOZIONI

28/02/2018
La Gamma Light è in Promozione!

La Gamma per Applicazioni Leggere è in Promozione! Chiamaci per scoprire tutti i carrelli in promozione e richiedi un'offerta!



21/02/2018
Un lavoratore formato è un lavoratore sicuro!

La formazione dei lavoratori secondo il D.lgs 81/2008 è stata individuata dal Legislatore come la prima manovra di prevenzione per mantenere la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro sotto controllo. Detto questo risulta fondamentale trovare il giusto percorso formativo che sia utile ed efficace, ma soprattutto applicabile da parte dei lavoratori impegnati nelle aziende italiane.

Per “agganciare” l’interesse dei lavoratori soprattutto in occasione dei corsi relativi ai rischi specifici ed attrarre la loro attenzione, è necessario portare delle esperienze personali, trovando e stimolando le vie di interesse per i lavoratori attraverso i “case study. In pratica il corso di formazione non puo’ e non deve essere astratto rispetto alla realtà ma facente parte della stessa.Spesso terminato il corso ci si dimentica ciò che è stato detto fino alla prossima, futura formazione “obbligatoria” per legge.

Un corso di formazione infatti non deve e non puo’ essere solo un momento dove enunciare una serie di leggi in successione delle quali i lavoratori generalmente prendono anche nota su un quaderno diligentemente durante il corso, ma che, già dalle ore successive hanno dimenticato numerazioni, date e motivi di applicazione alla propria realtà quotidiana.

Parlando di efficacia della formazione diventa oltremodo fondamentale il ruolo della verifica dell’efficacia al termine del corso di formazione. E’ fondamentale far comprendere ai lavoratori come il controllo dell’avvenuta acquisizione delle competenze durante il corso debba essere effettuato. In questo modo l’azienda potrà progredire anche a livello operativo grazie ai propri lavoratori riuscendo a creare un ambiente sicuro. In altre parole se non è la Direzione a volere la sicurezza sul lavoro, questa deve essere pretesa dai lavoratori che devono creare i presupposti per creare un’azienda sicuro, un posto di lavoro salubre e libero da rischi, almeno quelli alti.

Il cambiamento della mentalità dei lavoratori è il punto di partenza per poter arrivare un domani ad una vera applicazione pratica della sicurezza in azienda. Un posto di lavoro sicuro migliora la vita in azienda e rende i lavoratori più produttivi consci di lavorare in un sistema organizzato e soprattutto consci di poter tornare a casa la sera dalle proprie famiglie godendosi i momenti di relax e di riposo.


19/02/2018
Logistica per l'e-commerce: la chiave del successo è la velocità

Nell’era della rivoluzione digitale e dell’elevata personalizzazione, il fulcro dell’e-commerce è la logistica, che deve essere efficiente e flessibile per rispondere alle richieste di acquisto.
E quando si parla di vendite online il successo si gioca sul campo della velocità di consegna.
Dal 2015 ad oggi, infatti, il tempo di consegna è diminuito da 4,6 a 3,9 giorni, con alcuni settori, come ad esempio il fashion, che hanno delivery comprese tra le 24 e le 48 ore.
Velocità dunque, e rispetto dell’ambiente: gli utenti sono molto sensibili infatti al packaging eco-sostenibile e lo prediligono senza plastica e con cartone eco-compatibile.


16/02/2018
Ecco il nuovo trilaterale uomo in quota K

Il mercato richiede un sempre maggiore spazio di stoccaggio, ma a fronte dell’elevato costo immobiliare dei magazzini, la soluzione ideale è quella di creare magazzini estremamente compatti e con scaffali alti e sfruttare al meglio lo spazio. Linde ha creato una nuova versione del suo carrello combinato con uomo in quota K, perfetto per operare proprio in magazzini con scaffali alti e corridoi stretti.

Ecco le principali novità introdotte:
Dynamic Reach Control: riduce le oscillazioni laterali del montante e permette all’operatore di posizionare i carichi in modo veloce e sicuro; aumenta la produttività circa del 20% ed evita la flessione del montante.
Consolle di comando: un nuovo display a colori e di alta qualità. In questo modo, l’operatore ha ben visibili tutte le informazioni più importanti. L’ergonomia è stata ottimizzata per permettere all’operatore di lavorare senza affaticamenti.
Simultaneità di sollevamento principale e supplementare: con il nuovo carrello K, il sollevamento principale e quello supplementare si possono gestire contemporaneamente con comandi molto facili da utilizzare.
Efficienza e risparmio energetico: il nuovo K non è solo più potente del 5% rispetto al modello precedente, ma consuma il 25% in meno di energia grazie al sistema idraulico ottimizzato, a una miglior distribuzione dei pesi, a un nuovo sistema di controllo intelligente di trazione e sollevamento.
Maggiore sicurezza: l’allarme di emergenza rileva le situazioni di pericolo e avverte l’operatore sia con un segnale acustico che visivo.
Modularità: non esistono delle varianti del modello, ma sono possibili 10 milioni diverse di configurazioni, così le aziende possono personalizzare il carrello in base alle esigenze di logistica e alle condizioni di spazio.



12/02/2018
Contract Logistics: le nuove sfide del settore logistico

Sostenibilità, trasformazioni tecnologiche digitali e strumenti multicanale sono le principali sfide che la logistica si trova oggi ad affrontare.
E’ quanto emerso dalla ultima indagine realizzata dall’Osservatorio Contract Logistics “Gino Marchet” del Politecnico di Milano.
Nell’ultimo convegno, tenutosi all’interno del CNH Industrial Village Iveco di Torino, le aziende hanno offerto la loro testimonianza e confermato la direzione futura che la logistica deve percorrere per essere più strategica, più green, più digitale.
Le soluzioni per la riduzione dell’impianto ambientale si chiamano motori LNG e batterie agli ioni di litio; per il rapporto con l’innovazione strategica sono necessarie invece modifiche alle relazioni con i fornitori, che si ritiene debbano ridursi in numero ed aumentare in durata; mentre le esigenze sempre più personalizzate delle aziende richiedono un grosso passo in avanti nell’implementazione di soluzioni digitali come le applicazioni per device portatili in grande diffusione.
In generale, la prima risposta del settore a queste nuove esigenze è positiva ed è confermato l’ottimo stato di salute della logistica, che diventa sempre più reattiva ai cambiamenti e sempre più performante.



07/02/2018
Blue Spot: un esempio del successo della sicurezza Linde

Dall’America all’Australia, dalle aziende di lavorazione del legno all’industria delle bevande: sempre più clienti e industrie si affidano al Linde BlueSpot, una luce a LED che compare sul terreno e segnala un pericolo ai pedoni, fornendo una maggiore sicurezza per gli operatori.

«Sei anni fa abbiamo introdotto il Linde BlueSpot» afferma Frank Bergmann, Product Manager dei carrelli controbilanciati presso Linde Material Handling. «Non è stato il primo sistema di avvertimento di un pericolo, ma le altre soluzioni prevedevano solo un segnale acustico». Tale segnale, di solito, non era molto efficace: dopo un certo periodo i toni acuti infastidivano il personale e i segnali erano spesso ignorati a causa dell’ambiente di lavoro molto rumoroso. Gli ingegneri Linde hanno ideato una soluzione unica nel suo genere: una luce blu a LED, attaccata al carrello elevatore, che proietta un segnale di avvertimento sul terreno nella direzione di marcia del carrello. Tale soluzione può essere aggiunta anche successivamente al carrello e garantisce maggior sicurezza con un costo di investimento basso. Sin da subito il BlueSpot ha suscitato un enorme successo tanto da spingere Linde a registrare il marchio per conservare l’unicità e la bontà della sua invenzione.

Oltre alla semplicità, il BlueSpot impressiona i clienti anche per la sua flessibilità: il fascio si può utilizzare sia per la marcia avanti sia per la marcia indietro. Grazie al segnale di avvertimento mostrato con largo anticipo, i pedoni hanno tutto il tempo per spostarsi in una zona sicura. «Nessun rumore, nessun pedone spaventato e nessun rischio» spiega Frank Bergmann. Le luci a LED, non abbaglianti e ad alta intensità, impressionano per l’incredibile durata e il basso consumo energetico. Le condizioni ambientali (polvere, pioggia, vibrazioni ecc.) non influiscono sul Linde BlueSpot. In opzione, il fascio di luce può essere continuo o lampeggiante ed è percepito come un segnale di avvertimento anche dai visitatori esterni.

La massima sicurezza, con la massima semplicità.



05/02/2018
Il futuro del trasporto merci è sotterraneo?

La Svizzera punta sui tunnel sotterranei per il trasporto delle merci
Il “Cargo sotterraneo”, questo il nome del progetto, sarà una rete di collegamenti tra le principali città svizzere in cui le merci viaggeranno in tunnel collocati a 50 metri di profondità, trasportate da carrelli autonomi a ciclo continuo.
L’obiettivo è quello di ridurre del 30% il trasporto all’interno delle città e del 40% quello su strada.
La Federazione Elvetica ha raccolto l’idea di alcuni imprenditori e ha richiesto loro di trovare finanziatori privati per accelerare la nascita del progetto. Ad oggi sono stati raccolti 100 milioni di franchi, cifra notevole, ma lontana dai 33 miliardi complessivi del costo del progetto, la cui fine è prevista per il 2045.
Per il via ufficiale ai lavori servirà però consultare prima il popolo e approvare una legge in Parlamento.
Tra i vari gruppi di investitori che hanno manifestato il maggiore interesse al progetto spiccano i cinesi di Dagong Global, già pronti a replicare i tunnel in Oriente.


numero verde TRE-P CARRELLI
RICHIEDI INFORMAZIONI »
senza impegno
ARCHIVIO NEWS 2018 Settembre
Giugno
Maggio
Aprile
Marzo
Febbraio
2021 | 2019 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 | 2013 | 2012 |
Formazione Tre-P Carrelli Prenota il tuo corso

TRE-P CARRELLI apre le iscrizioni ai corsi di formazione patentino di guida carrelli elevatori.

carrellista Prenota il tuo
corso »
lente rossa Trova in pochi click
il carrello che fa per te
Nuovo
Usato
n.b. Seleziona prima Nuovo o Usato